La Società Thule e le Rune

di Anna Fraddosio Commenta

 Nello scorso post abbiamo parlato della Società Thule, di come è nata e per cosa è nata, abbiamo visto anche che essa è stata influenzata da molte correnti e culture esoteriche, e che avevano confidenza con simboli di alcune pratiche divinatorie come le rune. Proprio di questo oggi parleremo di come i simboli runici abbiano influenzato e aiutato la Società Thule nel loro progresso.

Ricapitolando: la Thule fu una società segreta di estrema destra che costituì il nucleo originale del partito Nazista, venne fondata ufficialmente il 18 agosto 1918 a Monaco, da Rudolf Galuer, conosciuto come Rudolf von Sebottendorff.

Sebottendorff nella sua vita compì molti viaggi in Turchia ed in Egitto venendo a conoscenza di un’antica disciplina Sufi e delle sue tecniche di meditazione. Sebottendorff pensava che Rune e misticismo islamico avessero un’origine comune, così elaborò una sorta di yoga sillabico, che comprendeva posizioni, respirazione, concentrazione e il suono di alcune sillabe.

Da qui si pensa che lo yoga Runico abbia origine proprio da esso, che Kummer e Marby, gli elaboratori di questo particolare yoga, abbiano preso spunto da questa tecnica e l’abbiano poi raffinata introducendo ad ogni posizione come mantra in nome della runa

Con questo metodo lui sperava di canalizzare più energia possibile dall’universo per poi indirizzarla verso i suoi scopi. In seguito Rudolf soggiornò a Costantinopoli frequentando una ricca famiglia di ebrei, studiosi della Qabbalah e proprietari di una vasta biblioteca di testi alchemici e rosacrociani. La Thule trasse ispirazione anche da correnti buddhiste tibetane e dalle idee della famosa medium Helena Petrovna Blavatsky, come detto anche nello scorso post.

L’utilizzo delle rune nella società Thule influenzò anche il pensiero nazista, i quali usarono i simboli delle rune sulla loro bandiera, si pensi alla famosa swastika, Hilter infatti studiò molto prima in simbolismo runico, prima di inserirlo nella sua bandiera; ma di questo ne parleremo del prossimo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>